Impara a Giocare a Scacchi

Storia degli Scacchi

Le origini degli scacchi non sono del tutto chiare, ma la maggior parte degli storici ritiene che gli scacchi rappresentino un'evoluzione a partire da giochi simili diffusi in India quasi duemila anni fa. La versione degli scacchi che conosciamo oggi esiste da oltre 500 anni!

Lo Scopo degli Scacchi

Tu ed il tuo avversario siete alla guida di un esercito. L'obiettivo è quello di catturare il re dell'esercito avversario (prima che l'avversario catturi il tuo)! Quando lo attacchi e il re non può più fuggire, quello è "scaccomatto", e significa che hai vinto!

Ciascuno comincia con un fedele esercito di 16 pezzi: il Re, la Donna, due Torri, due Alfieri, due Cavalli, ed otto Pedoni.

Incominciare una Partita

All'inizio della partita, la scacchiera viene disposta in modo che ogni giocatore abbia una casa bianca (o di colore chiaro) nell'angolo inferiore destro. I pezzi sono disposti sempre nello stesso ordine. La seconda riga orizzontale (o traversa) viene occupata dai pedoni. Sulla prima riga, invece, partendo dai due angoli opposti, vengono prima collocate le torri, seguite dai cavalli, dagli alfieri e, infine, dalla donna, la quale occupa sempre una casa del proprio colore (donna bianca su casa bianca, donna nera su casa nera). Il re viene posizionato nell'ultima casa rimasta libera.

Il giocatore con i pezzi bianchi muove sempre per primo, dopo di che il Nero ed il Bianco eseguono una mossa ciascuno, a turno. Ad ogni mossa puoi muovere uno solo dei tuoi pezzi (con una sola eccezione). Dopo di che sarà il turno del tuo avversario. E si continua così alternandosi a muovere, sin quando uno dei due Re non sarà circondato... o tutto il tuo esercito non si sarà esaurito!

Come Muovono i Pezzi negli Scacchi

Ciascuno dei sei tipi di pezzo ha una propria stile di movimento. La maggior parte dei pezzi non può passare attraverso gli altri pezzi, solo il cavallo può saltare oltre chiunque incontri sul suo cammino! Inoltre, nessun pezzo può fermarsi su una casella già occupata da uno dei propri pezzi. I pezzi possono però prendere il posto di un pezzo avversario: questo è il modo in cui si catturano i pezzi nemici!

Il Re

Re

Il re è il pezzo più importante, perché la sua perdita comporta la fine della partita. Allo stesso tempo però è anche uno dei pezzi più deboli. Per questo spesso ha bisogno dei suoi amici per proteggerlo. Il re si muove di una casa in ogni direzione: su, giù, ai lati e in diagonale.

Il re non deve mai muoversi su una casa in cui potrebbe essere catturato (non si può perdere di proposito). Se il tuo avversario muove il suo re in una casa dove lo potresti prendere, non acchiappare il re esclamando: "Ahahaha, ho vinto!". Piuttosto, spiegagli perché non può muovere lì. Poi il tuo avversario potrà rimettere il re nella posizione precedente e scegliere una mossa diversa (muovendo sempre il re).

Clicca sul pulsante ">" del diagramma in basso per vedere come il re si muove sulla scacchiera.

Scacco e Matto

Quando un pezzo avversario minaccia di catturare il re, si dice che è "scacco". Quando il re non ha possibilità di evitare lo scacco, questo si dice: "scacco matto". Come detto in precedenza, è così che si vince a scacchi. Ci sono solo tre modi possibili per un re di sottrarsi ad uno scacco: spostarsi, fare scudo al re con un altro pezzo oppure catturare il pezzo che minaccia il re. Se un re non può evitare lo scacco matto, allora la partita è finita. Di solito, il re non viene né catturato, né tolto dalla scacchiera; si constata semplicemente che la partita è terminata.

La Donna

Donna

La donna è il pezzo più potente. Come il re, si può muovere in ogni direzione seguendo una linea retta: indietro, avanti, di lato o in diagonale ma, a differenza del re, essa è inarrestabile. Puoi muoverla di quante case vuoi fino a che non incontra un altro pezzo lungo il suo cammino. Come tutti gli altri, infatti, se cattura un pezzo avversario, quella sarà la casa in cui la donna andrà a fermarsi.

Clicca sul diagramma in basso per vedere come si muove la donna. Osserva come la donna bianca cattura la donna nera e a questo punto il re nero è obbligato a muoversi.

La Torre

Torre

La torre si muove più o meno come la regina: puoi spostarla di quanto vuoi in linea retta, in avanti, indietro e ai lati, ma non in diagonale.

L’Alfiere

Alfiere

L'alfiere è l'"altra metà" della donna. Si muove di quante caselle vuoi, ma solo in diagonale. Cominci la partita con un alfiere su una casella chiara e un alfiere su una casella scura e noterai che, muovendosi solo in diagonale, ciascun alfiere rimane confinato nel colore su cui ha iniziato. Gli alfieri sono più forti se lavorano insieme, perché ciascuno coprirà le case che l'altro non riesce a coprire.

Il Cavallo

Cavallo

I cavalli si muovono in modo piuttosto diverso dagli altri pezzi: di 2 caselle in una direzione e poi di 1 ad un angolo di 90º gradi, come se disegnasse una "L". I cavalli inoltre sono gli unici pezzi capaci di 'scavalcare' gli altri pezzi. Spesso si dice che il cavallo "salta" per via di questa sua abilità speciale. Dai un'occhiata a questi salti di cavallo:

Il Pedone

Pedone

La metà della tua squadra iniziale è composta di pedoni, ragion per cui è molto importante capire come usare questi tipetti, anche se non sono molto forti. I pedoni sono un po' strani perché si muovono in una direzione, ma catturano in un'altra. Quando si muovono, vanno solo in avanti, ma quando catturano lo fanno in diagonale. I pedoni possono muoversi solo in avanti di una casella alla volta, eccetto alla loro prima mossa, quando ciascun pedone può muoversi sia di una che di due case. I pedoni possono catturare solo sulle case che si trovano in diagonale davanti a loro. Non possono mai tornare indietro, né per muoversi, né per catturare.

E dato che si muove e cattura in modo diverso, il pedone è l'unico pezzo che può essere bloccato dai pezzi nemici: se c'è un altro pezzo collocato direttamente davanti ad un pedone, il pedone non potrà superarlo né catturarlo.

Promozione

È vero che i pedoni sono piccoli e deboli, si muovono lentamente e hanno difficoltà a combattere contro i pezzi più veloci. I pedoni però sanno anche sognare in grande! Vorrebbero trasformarsi nell'eroe che regna sulla scacchiera e ti condurrà alla vittoria. Ora, i pedoni hanno anche un'altra abilità molto speciale che può aiutarli a realizzare i propri sogni.

Quando un pedone raggiunge l'altro lato della scacchiera, infatti, egli può trasformarsi in qualsiasi altro pezzo di scacchi (questa si chiama "promozione"), eccetto che in un pedone o in un re [NOTA: molti pensano che i pedoni possano essere scambiati solo con pezzi già catturati, ma NON è vero]. Un pedone generalmente viene promosso a donna perché questo è il pezzo più potente. I pedoni sono gli unici pezzi che possono essere promossi, nessun altro pezzo può farlo!

En Passant

L'ultima regola riguardo i pedoni si chiama "en passant", un'espressione francese che vuol dire "al passaggio". Se un pedone avanza di due caselle alla sua prima mossa, e così facendo si ferma accanto ad un pedone avversario (superando la casella su cui quest'ultimo avrebbe potuto catturarlo), l'altro pedone può catturare comunque il primo pedone, come se quest'ultimo fosse avanzato di una sola casa. Questa mossa speciale deve essere realizzata nel turno immediatamente successivo "al passaggio" e non sarà più possibile effettuarla in seguito. Clicca sull'esempio in basso per capire meglio questa regola curiosa, ma importante.

Arrocco

Un'altra regola speciale è quella detta arrocco, l'unica caso in cui puoi muovere due pezzi in un'unica mossa. Tale combinazione ti permette di raggiungere due obiettivi importanti in un unico turno: portare il tuo re al sicuro (si spera) e far uscire la tua torre dall'angolo in cui si trova a inizio partita portandola in gioco. In base a questa regola, un giocatore può muovere il proprio re di due caselle di lato e spostare contemporaneamente anche la torre verso cui il re si è mosso posizionandola sull'altro lato del re (guarda l'esempio in basso). Per poter arroccare, devono essere rispettate le seguenti condizioni:

  • deve essere la prima mossa di quel re
  • deve essere la prima mossa di quella torre
  • non ci deve essere alcun pezzo interposto tra il re e la torre
  • il re non può trovarsi sotto scacco, né può attraversare una casa in cui si troverebbe sotto scacco

Nota che quando esegui l'arrocco, in uno dei due casi il re va a finire più vicino all'angolo della scacchiera. In questo caso, si ha il cosiddetto arrocco corto. L'arrocco realizzato sull'altro lato, attraversando la casa precedentemente occupata dalla donna, viene invece chiamato arrocco lungo. A prescindere dal lato, nell'arrocco il re si muove sempre di due caselle.

Patte

Ci sono poi occasioni in cui una partita di scacchi non si conclude con un vincitore, ma con una patta. Sono 5 i casi in cui una partita di scacchi può terminare in parità:

  1. La partita si conclude con uno stallo quando il giocatore a cui tocca muovere non può eseguire alcuna mossa legale ed il suo re NON si trova sotto scacco
  2. I giocatori possono semplicemente accordarsi per la patta e interrompere la partita
  3. Non ci sono abbastanza pezzi sulla scacchiera per poter forzare lo scacco matto (per esempio: un re ed un alfiere contro un re). Patta per materiale insufficiente!
  4. Un giocatore può dichiarare la patta nel momento in cui la medesima posizione si ripresenta per la terza volta nel corso della partita (non necessariamente per tre volte consecutive)
  5. Ogni giocatore ha giocato cinquanta mosse di fila, senza muovere alcun pedone né catturare pezzi. Questo significa che non vi è stato alcun progresso!

Se sei arrivato fin qui, sei pronto per giocare! A questo punto affrontiamo alcune regole supplementari riguardo i tornei, le varianti e alcuni consigli per giocare bene a scacchi.

Scacchi960

Scacchi960 (anche noto come Fischer Random) è una variante degli scacchi che segue tutte le normali regole degli scacchi, tranne per il fatto che la posizione iniziale dei pezzi è scelta a caso all'inizio della partita.

Ci sono due regole da seguire per posizionare i pezzi: gli alfieri devono occupare caselle di colori diversi e le torri devono trovarsi una da un parte e una dall'altra rispetto al re. I pezzi bianchi e quelli neri sono disposti in modo speculare.

In base a queste regole, ci sono esattamente 960 posizioni iniziali possibili (da lì il nome "960").

Le uniche regole un po' particolari sono quelle dell'arrocco: le regole sono praticamente tutte uguali (re e torre non possono aver già mosso e non possono passare attraverso uno scacco, né trovarsi sotto scacco al momento dell'arrocco), ma con la regola addizionale che le caselle che si trovano tra le case di arrivo del re e della torre devono essere libere da altri pezzi. E anziché muovere il re sempre di 2 passi in direzione della torre, si arrocca in modo da raggiungere le posizioni 'normali' dell'arrocco: il re si sposta su g1 quando arrocca "sull'ala di re" e su c1 quando arrocca "sull'ala di donna."

Alcune Regole dei Tornei

Molti tornei seguono un insieme di regole comuni o simili tra loro. Tali regole non si applicano necessariamente alle partite giocate a casa o online

Pezzo Toccato, Pezzo Mosso

Se un giocatore tocca uno dei propri pezzi, egli deve muovere quel pezzo, sempre che il pezzo possa eseguire una mossa legale (ovviamente, giocando online non ti è possibile "toccare" un pezzo, è una regola di torneo che sul sito diventa irrilevante). Se un giocatore tocca un pezzo dell'avversario, egli è tenuto a catturare quel pezzo. Un giocatore che intenda toccare un pezzo solo per sistemarlo sulla scacchiera, deve prima annunciarne l'intenzione. In genere questo si fa dicendo: "acconcio".

Introduzione agli Orologi e ai Cronometri

La maggior parte dei tornei usano degli orologi per misurare il tempo impiegato per l'intera partita, e non per ogni singola mossa. Questo perché quando nel 1800 cominciarono i primi tornei di scacchi, alcuni giocatori, quando stavano perdendo, rimanevano lì seduti senza muovere. Questa strategia perfetta li teneva lontani dalla sconfitta... ma faceva anche sì che il torneo non finisse mai! Fu allora che s'inventò l'orologio da scacchi, che si diffuse nella maggior parte dei tornei.

A ciascun giocatore viene assegnata la stessa quantità di tempo da usare nel corso della partita e sta al giocatore decidere come utilizzarlo. Una volta che un giocatore ha effettuato la propria mossa, egli preme un pulsante o tira una leva che ferma il suo orologio e fa partire quello dell'avversario. Se il tempo di un giocatore finisce e l'avversario se ne accorge e lo dichiara, il giocatore rimasto senza tempo perde la partita (salvo nel caso in cui l'avversario non più ha pezzi sufficienti per dare scacco matto, nel qual caso la partita è patta). Clicca qui per vedere due giocatori che giocano una partita a tempo con rapidità!

Basi della Strategia

Ci sono quattro semplici cose che ogni scacchista dovrebbe sapere:

#1 Proteggi il tuo re

Sposta il re nell'angolo della scacchiera dove, in genere, è più al sicuro. Non ritardare l'arrocco. In generale, dovresti sempre cercare di arroccare il prima possibile. Ricorda: non importa quanto sei vicino a dare scacco matto tu, se il tuo re subisce il matto per primo!

#2 Non regalare i pezzi

Non perdere i tuoi pezzi per distrazione! Ogni pezzo è prezioso e non puoi vincere una partita senza pezzi sufficienti a dare matto. C'è un sistema semplice che si usa per calcolare il valore relativo di ogni pezzo:

  • Il pedone vale 1 punto
  • Il cavallo vale 3 punti
  • L'Alfiere vale 3 punti
  • La torre vale 5 punti
  • La Regina vale 9 punti
  • Il re ha valore infinito

Alla fine della partita questi punti non significano nulla - è solo un metodo che puoi usare per prendere decisioni durante le partite e che ti aiuta a sapere quando catturare, effettuare cambiare o giocare altre mosse.

#3 Controlla il centro

Devi cercare di controllare il centro con i tuoi pezzi ed i tuoi pedoni. Se controlli il centro, avrai più spazio per manovrare i tuoi pezzi ed il tuo avversario avrà più difficoltà a trovare case forti per i suoi pezzi. Nell'esempio in basso, il bianco gioca buone mosse per controllare il centro, mentre il nero fa mosse sbagliate.

#4 Usa tutti i pezzi

Nell'esempio in alto il bianco ha portato in gioco tutti i pezzi! I tuoi pezzi non servono a granché se rimangono fermi nelle loro case di partenza. Cerca di sviluppare tutti i pezzi in modo da averne di più a disposizione quando attacchi il re. Un attacco condotto con solo uno o due pezzi è destinato a fallire contro un avversario minimamente esperto.

Fare Progressi negli Scacchi

Conoscere le regole e le basi della strategia è solo l'inizio - c'è così tanto da imparare negli scacchi che una vita intera non basta! Per migliorare devi fare tre cose:

#1 - Giocare

Continua sempre a giocare! Gioca più che puoi. Dovresti imparare qualcosa da ogni partita - sia da quelle che vinci, che da quelle che perdi.

#2 - Studiare

#3 - Divertiti

Non ti scoraggiare se non vinci subito tutte le partite. Tutti perdono - persino i campioni del mondo. Se continui a divertirti e ad imparare anche dalle partite che perdi, non smetterai mai di amare gli scacchi!